Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il posto di pesca, come riconoscere un buono spot da spinning

Il posto di pesca, comunemente chiamato anche spot, è croce e delizia di tutti i pescatori.

E’ un elemento chiave di fondamentale importanza nelle nostre uscite. Una ricerca accurata richiede tempo da dedicare allo studio di diversi fattori come la morfologia, le caratteristiche del fondale, della profondità, ma anche delle correnti dominanti nello specchio d’acqua dove lanceremo le nostre esche.

Oltre a questo dovremo cercare di individuare la strike zone, per cui l’ideale sarebbe fare dei sopralluoghi durante vari orari nell’arco della giornata, facendo particolare attenzione ai momenti che solitamente sono i più pescosi, ovvero un`ora prima e dopo l`alba e il tramonto. Per i neofiti o per mancanza di tempo o per pigrizia, molte volte sfruttiamo i posti più collaudati per cercare di non incombere in una probabilissima e inevitabile serie di cappotti. Magari gli stessi posti consigliati dal titolare del negozio di pesca sotto casa o dove vediamo solitamente pescare.

Nella pesca a spinning in mare, in ambienti come il porto, la foce, la spiaggia o la scogliera, non è sempre facile e intuitivo riuscire a comprendere dove e come presentare il nostro artificiale alle prede, nel modo migliore.

Capire dove lanciare l’esca, sarà di fondamentale importanza per evitare una probabile serie di uscite e di lanci a vuoto dove, non avendo né tocche né catture, non potremo conoscere le reali potenzialità della pesca in acqua salata, data la vastità di situazioni in cui ci troveremo.
La presenza di pesce foraggio come cefali o minutaglia è un segnale importante che aumenta la probabilità dell’arrivo di predatori e scegliendo di sfruttare queste zone in orari della giornata nei cambi di luce come l’alba o il tramonto, possiamo tentare di accrescere le nostre possibilità di fare una bella cattura.

Andremo a esaminare qui di seguito, alcuni degli ambienti tipici dalla zona costiera dei nostri mari: porto, foce, scogliera e spiaggia, e cercheremo di capire dove, come e perché lanciare i nostri artificiali. Sarà possibile con l’esperienza, individuare con un colpo d’occhio gli hot spot, ma cerchiamo di dare una spiegazione che aiuti anche coloro che si sono avvicinati da poco o si stanno per approcciare a questa tecnica di pesca.

L’analisi accurata delle varie tipologie di SPOT è descritta nella GUIDA DELLA PESCA A SPINNING IN MARE, disponibile in formato cartaceo o ebook sullo shop di amazon qui (clicca qui)

In questa ricerca, ci dà una grande mano la tecnologia che oggi giorno è alla portata di tutti in internet. Grazie all’ausilio di google maps, il sistema cartografico satellitare disponibile gratuitamente, possiamo identificare facilmente spot potenzialmente buoni per la pesca a spinning e testarli nei momenti in cui riteniamo opportuni o quando si attiva l’attività predatoria in base alle varie combinazioni di fattori meteo marini.

Una volta individuato un posto dove intendiamo pescare, il prossimo passo sarà capire dove si trova la strike zone

ovvero quella zona dove si hanno maggior possibilità che ci sia il predatore e può essere delineata per caratteristiche geografiche, morfologiche, giri di corrente o per altri fattori. Per fare un esempio pratico, se ci troviamo in un porto, avremo varie postazioni dove pescare e la strike zone può essere la punta di un molo (caratteristiche geografiche), perché i pesci sono obbligati a passare da quella zona per entrare nel porto e solitamente in quest’ambito ci sarà sicuramente un giro particolare d’acqua, una corrente che varierà nella direzione a secondo del vento e delle fasi di marea.

Per affrontare con successo i vari ambienti di pesca è sempre necessario apprendere anche notizie dai pescatori locali e saperle miscelare con la nostra esperienza, un pizzico d’inventiva e… un po’ di fortuna.
Ogni buon pescatore che si rispetti dovrebbe nutrire la voglia di scoprire nuovi posti dove sia ancora presente la naturalezza e il fascino del selvaggio, nonché quell`alone di mistero che avvolge gli spot mai provati, sempre alla ricerca del possibile colpaccio di cadere in una grossa cattura e lasciare a quelli meno esperti, i soliti hot spot superaffollati del momento. Una delle massime soddisfazioni che un pescatore a spinning possa avere, è una cattura fatta in un ambiente accuratamente ricercato.

Identificare un buon posto per la pesca a spinning è uno dei punti fondamentali per avere successo in questa tecnica di pesca

per cui è comprensibile il sorgere di una certa “riservatezza” nel rivelarli anche agli amici più stretti, soprattutto se si tratta di spot dove abbiamo speso tanto tempo nel capire quali sono le variabili che ne condizionano la presenza dei predatori in attività.

L’analisi accurata delle varie tipologie di SPOT è descritta nella GUIDA DELLA PESCA A SPINNING IN MARE, disponibile in formato cartaceo o ebook sullo shop di amazon qui (clicca qui)

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Domenica, 15 Marzo 2020 10:23

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

From Google
Come riconoscere una buona esca artificiale rigida, hardbait?: https://t.co/iZSRuIDlx7 tramite @YouTube
From Google
La pesca con le esche siliconiche: https://t.co/BOc9EXDojs tramite @YouTube
From Google
Re: ciao tutti https://t.co/UGP19K41qO
Follow Planetspin.it on Twitter